Karl Baumgartner e il suo ristorante altoatesino in provincia di Bolzano

La storia culinaria di Karl e Siegfried Baumgartner, attuali proprietari del ristorante Schoneck in Val Pusteria, inizia nel 1980 quando, senza alcuna formazione e competenza, se non una breve esperienza in un hotel della zona per guadagnare due lire, ma evidentemente dotati di talento e capacità imprenditoriale, i due insieme all’altro fratello Hansi decidono di prendere in gestione il ristorante “Pichler” a Rio di Pusteria. Sono giovani, pieni di entusiasmo e con un innato talento per la ristorazione.    

Karl ha vent’anni e con l’aiuto di Hansi riesce a dare una ventata d’aria nuova in cucina, dove nascono vere e proprie magie, mixando ricette tirolesi con piatti della tradizione mediterranea.

Neppure diciannovenne, Siegfried detto Siegi si occupa dell’accoglienza, della sala e della cantina. Poi Karl sposa Mary che apporta nuova energia e nuove idee, contribuendo ad accrescere la fama e il gusto del locale.

«Ci sentivamo pronti - racconta Siegi da poco papà di una deliziosa bimba di nome Victoria - quasi “ristoratori navigati” e così negli anni ’80 cominciammo a guardarci intorno in cerca di un’occasione per l’acquisto di un nuovo ristorante.

Lo trovammo a Molini di Falzes vicino al castello e lo chiamammo con lo stesso nome. Hansi rimase al “Pichler” fino al 2002, quando trasforma la sua passione in lavoro diventando il primo affinatore di formaggi dell’Alto Adige, oggi famoso anche oltre confine con la sua azienda Degust».

Nel corso degli anni, grazie alla raffinata cucina di Karl che guadagna presto la stella Michelin e alla bravura di Siegi e Mary in sala, il ristorante si afferma e diventa meta degli amanti dell’alta gastronomia, ma anche di una clientela allegra e spensierata, che partecipa alle serate a tema organizzate dai Baumgartner, durante le quali Siegi stappa uno dei suoi tesori della cantina e Karl suona la chitarra.


Images

© Copyright 2020. Vertical.it - N.ro Iscrizione ROC 32504 - Privacy policy