Il 2020 è l'anno del Cortese

Il vitigno autoctono a bacca bianca di millenario stanziamento viene valorizzato in tutta la sua complessità.
L'iniziativa che vede il vitigno protagonista fa parte di una campagna di promozione della Regione Piemonte insieme ai 3 Consorzi di Tutela, alle Enoteche Regionali e alle Botteghe del vino all'interno di un progetto di valorizzazione turistica e agroalimentare. Lo storico vitigno piemontese ha fatto dei numeri da capogiro a livello produttivo nel 2019: più di 13 milioni di bottiglie vendute di cui più della metà all'estero, 3 mila ettari coltivati, 1 DOCG, 4 DOC, e una tradizione che va avanti dal XVII secolo. 

"Una cornice in cui il Piemonte si colloca, per attrattività, al secondo posto per un target di visitatore che spende da 85 a 160 euro al giorno - afferma Luisa Piazza, Direttore Generale di VisitPiemonte - abbiamo 59 DOC e DOCG, un numero di superiori a tutte le altre regioni italiane; circa 340 prodotti agroalimentari tradizionali (PAT); 46 chef stellati, un patrimonio importante sia a livello di materie prime sia di realtà ristorative. E, in un contesto di ripartenza come quello attuale, anche l’iniziativa 2020 Anno del Cortese rappresenta occasione per dare visibilità al territorio piemontese, alle sue tipicità, e alle storie imprenditoriali locali”.
Le iniziative dell’Anno del Cortese si estenderanno fino al 2021, sviluppandosi dentro e fuori il Piemonte tra iniziative promozionali e di marketing, master class, presentazioni e degustazioni.

Photo Credits: Consorzio Tutela del Gavi
© Copyright 2020. Vertical.it - N.ro Iscrizione ROC 32504 - Privacy policy