Emmanuel Scotti a Le Rêve di Ischia

Il nuovo ristorante gastronomico di Tenuta C’est La Vie a Ischia sarà guidato dallo chef ischitano Emmanuel Scotti.
Le Rêve, nuovo ristorante fine dining sull’isola di Ischia, guidato dal giovane Emmanuel Scotti, classe 1989, va a completare il progetto di Tenuta C’est la Vie con una proposta di cucina contemporanea, fatta di ricerca e territorio.

Nato e cresciuto a Ischia, Emmanuel Scotti vanta esperienze significative nei ristoranti più blasonati dell’isola: gli inizi con Nino di Costanzo al Terme Manzi, poi un lungo periodo nelle cucine del Mezzatorre Resort&Spa ed infine due anni, 2020 e 2021, come sous chef all’Indaco del Regina Isabella di Lacco Ameno con Pasquale Palamaro. A queste esperienze si aggiunge quella in Toscana presso il ristorante Arnolfo di Colle Val d’Elsa con lo chef Gaetano Trovato.

A Le Rêve di Tenuta C’est la Vie, Emmanuel Scotti inizia la sua prima grande avventura come executive chef a capo di una brigata giovanissima e motivata. La sua cucina è un mix perfettamente calibrato tra Ischia e la Toscana: terra e mare compongono il suo menu che è essenziale nel numero di proposte, ma attento allo scorrere delle stagioni. Ingredienti propri della Toscana come la Faraona e la Cinta senese convivono con il pesce azzurro del golfo partenopeo, il finocchietto selvatico dell’isola, il coniglio di fossa. 

Il ristorante occupa una parte degli ambienti della cantina storica, dove affinano anche i vini di Tenuta C’est la Vie. Scavata nel 1878 nel tufo verde dell’Epomeo, è un luogo di fascino, recuperato rispettando l’architettura originaria.
La fondatrice della Tenuta C'est la vie, Lucia Velia Moraschi, non potrebbe essere più entusiasta della scelta di Emmanuel Scotti come Executive chef. Lei e il marito Giorgio Besezoni sognavano da anni di poter aggiungere un ristorante alla tenuta e non poteva che esserci un ischitano di nascita come chef Scotti a guidare questo nuovo progetto.

In questa notizia

© Copyright 2023. Vertical.it - N.ro Iscrizione ROC 32504 - Privacy policy