La nuova avventura di Michele Lazzarini a Contrada Bricconi

Ha affilato le sue armi alla corte di Norbert Niederkofler, per quasi dieci anni, e poi ha deciso di iniziare a camminare da solo.
Parliamo di Michele Lazzarini che ha aperto, da pochi mesi, il suo ristorante. Una scelta per certi versi estrema (il luogo isolato e impervio, la proposta univoca e minimamente trattabile) ma che rappresenta perfettamente il pensiero che chef Lazzarini intende portare avanti. Il ristorante - solo 20 posti - è stato ricavato in uno dei 5 edifici che compongono il piccolo borgo, dove dieci anni fa degli amici hanno realizzato una stalla e nel corso degli anni portato avanti un’opera di recupero e valorizzazione di un luogo abbandonato. Oggi è attivo anche un caseificio e in prospettiva verranno realizzate anche delle camere per ospitare gli avventori. 

La proposta gastronomica prevede un unico percorso influenzato dalla disponibilità delle materie prime che provengono dal luogo stesso (oltre alle mucche vengono allevati anche conigli, galline e quaglie) e da fidati e selezionatissimi fornitori della zona. Anche i vini in abbinamento sono esclusivamente lombardi. 

Nulla è lasciato al caso, il servizio perfetto, il timing ineccepibile, l’atmosfera elegante e raffinata. Il tutto però senza perdere il sentimento di autenticità. Un plauso quindi al temerario Michele e ai suoi amici. 

Gallery

In questa notizia

© Copyright 2022. Vertical.it - N.ro Iscrizione ROC 32504 - Privacy policy