Apre il ristorante Cavallino della Ferrari

Simbolo della storica azienda automobilistica fondata da Enzo Ferrari, il brand apre un nuovo capitolo imprenditoriale espressione della passione e dell’eccellenza del brand, rinnovando gli spazi del ristorante "rampante".
Nella storica location di via Abetone Inferiore, di fronte all’ingresso dello Stabilimento di Maranello, inaugura il Ristorante Cavallino tra le sue mura originarie, alle emozioni, ai successi e ai ricordi del leggendario brand che per 75 anni hanno guidato il fondatore e tutti coloro che hanno contribuito attivamente alla costruzione.

ll 1942 è l'anno in cui l’ingegnere Enzo Ferrari rilevò i terreni dell’ex Fondo Cavani insieme anche alla piccola casa colonica che venne prima utilizzata come mensa, spogliatoio e sede di formazione per la manodopera, e dopo 8 anni ufficialmente aperta al pubblico come Ristorante Cavallino. Qui Enzo Ferrari riceveva a pranzo i suoi collaboratori, i clienti e gli amici più stretti nella sala privata dove amava guardare il Gran Premio.

Grazie alla collaborazione con Massimo Bottura e l’architetto India Mahdavi, è stata operata una rilettura contemporanea - ma non nostalgica - di questo spazio esaltandone l'iconicità e l'autenticità. Massimo Bottura, descrive il Cavallino come: “Una nuova prospettiva e un nuovo modo di far vivere la cucina modenese. È una cucina buona, sana, con una storia dietro ogni piatto: è una cucina a cui non si può dire di no".
La proposta gastronomica prevede grandi classici come il Filetto alla Rossini che diventa un Cotechino alla Rossini, coronato da un tartufo minerale e da una salsa alle amarene di Modena, e ancora lo gnocco fritto aeroso e croccante con una selezione di salumi emiliani, il bollito a bassa temperatura e gli immancabili tortellini cotti in brodo di cappone e serviti in crema di Parmigiano Reggiano.
La cucina del Cavallino sarà guidata dallo chef modenese Riccardo Forapani, formatosi per 13 anni all’Osteria Francescana, mentre in sala Luis Diaz, forte di importanti esperienze già premiato nel 2016 come miglior giovane maître d’Italia.

Lo spazio è stato integralmente ristrutturato e riprogettato dall’architetto, designer e scenografa India Mahdavi, invitata a rivitalizzare l’identità del luogo, tra interni e giardino, nel tipico stile italiano: "Il Cavallino - afferma India Mahdavi - è una nuova esperienza portata nella trattoria italiana".

Il ristorante sarà aperto al pubblico a partire da martedì 15 giugno. Prenotazioni già disponibili sul sito. 

In questa notizia

© Copyright 2021. Vertical.it - N.ro Iscrizione ROC 32504 - Privacy policy