Torre Rosazza: fra vini identitari e patrimonio artistico d'eccelleza

Dai soffitti affrescati ai mobili d'epoca, il restauro conclusosi nel 2018 ha riportato alla luce il patrimonio di "Turris Rosacea", dimora storica della famiglia Antonini, oggi sede di Torre Rosazza
Torre Rosazza interpreta l’unicità del territorio friulano attraverso vini di forte individualità e carattere. 

Ad Oleis, nel comune di Manzano (UD), nella zona centrale dei Colli Orientali del Friuli, all’interno della sottozona di Rosazzo, la tenuta, che fa parte del patrimonio vitivinicolo di Genagricola dal 1979, si colloca ai vertici della produzione nazionale in termini di qualità dati gli importanti riconoscimenti ottenuti. Il paesaggio si apre alla vista in un armonia naturale, il terrazzamento a vigneto dei due anfiteatri naturali converge - sulla sommità della collina - sullo storico edificio che ospita l’Azienda, oggetto di un importante restauro, che si è concluso con l’anno 2018.

Dopo mesi di attenta ristrutturazione, ora la villa storica che fu della famiglia Antonini di Grazzano, ripresenta l’autentica articolazione degli spazi e dei preziosi affreschi, frutto di un'opera volta alla conservazione degli antichi tesori della “Turris Rosacea”. Nella nuova formulazione degli spazi e della loro destinazione d’uso, si alternano azioni conservative a interpretazioni più moderne e funzionali delle sale, in una commistione che fa susseguire ad allestimenti ricercati ed essenziali, sale arredate con mobili d’epoca.

Le vigne di Torre Rosazza, che si estendono per oltre 90 ettari, affondano le radici in un terreno composto principalmente di marne e arenarie, minerali ideali per la vinificazione.
Combinare tecniche colturali evolute e scientifiche alla tutela della biodiversità del terroir, fino alla valorizzazione di vitigni autoctoni, come ad esempio il Picolit, è il modus operandi che viene qui applicato con cura e dedizione. Il controllo totale della filiera produttiva permette una gestione e supervisione diretta di tutte le fasi: dai processi di studio sulla pianta, alla vendemmia praticata a mano, al lavoro in cantina dove la tecnica enologica è discreta, al servizio del territorio e delle sue tipicità. 

Bianchi eleganti tra cui spicca il Pinot Grigio (pluripremiato in prestigiosi concorsi all’Italia e all’estero) e importanti rossi - Merlot, Pinot Nero, Refosco dal Peduncolo Rosso e Cabernet Sauvignon - che stanno vivendo una profonda trasformazione, sono la principale produzione dell’azienda volta alla realizzazione di bordolesi di forte identità, rispettando del tutto la vocazione dei terreni friulano.

Gallery

In questa notizia

© Copyright 2019. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy