Ristoranti

Ristoranti a Napoli? Taverna Estia al 100%

Tra i ristoranti a Napoli, la Taverna Estia a Brusciano di Mario e Francesco Sposito conquista le anime dei commensali con la loro emozionante cucina partenopea.
Ancora estasiato dalle mille delizie di Festa a Vico 2010, il mio cuore si dirige a Brusciano (NA), dove i fratelli Mario e Francesco Sposìto hanno dato vita alla romantica Taverna Estìa (www.tavernaestia.it). Impensabile tra i ristoranti di Napoli, in una periferia partenopea così ruspante e spinosa, questa locanda gourmet sprizza e sgorga eleganza da tutti i meandri, grazie al faticoso e ammaliante lavoro di sala di Mario. Detentore del Guinness dei Primati in “velocità di vestizione di giacca e cravatta prima che un cliente bussi alla porta”, Mario Sposìto erudisce il commensale tra verticali di vini francesi e bottiglie-chicche da vitigni campani. In cucina invece c’è Francesco, suo fratello e compare d’attività culinarie davvero formidabili. La sua giovane fantasia rende la Mozzarella in carrozza un cataclisma del gusto, la Crème brûlée di baccalà allontana gli stereotipi di cucina creativa fine a se stessa per avvicinare il palato sorpreso di chi l’assaggia in un'avventura ittica autoerotica. Il Bignè al nero (o Pietra Vesuviana) è un gioco vulcanico, in cui il tipico dolce viene fritto e rivisto nel colore grazie al nero di seppia; la ricotta di pecora emulsionata all’interno e il peperone arrostito all’esterno completano il gustoso scherzo. Ed ecco che arriva la Costiera Sorrentina direttamente nelle narici: Risotto al Vialone nano mantecato con confettura di limoni alla vaniglia, gamberi crudi e vongole, olio ai pistacchi di Bronte. Credo che per qualche minuto la mia anima abbia viaggiato e “limonato” con la dea Bontà in persona; un sussulto vero e sincero scaturisce dall’espressività ed emozionalità dell’agrume campano, dalla dolcezza del freschissimo crostaceo e dalla salinità marina dei molluschi bivalvi della famiglia delle Veneridae. Per chiudere un altro sobbalzo a Taverna Estìa: Parfait di liquirizia Amarelli, zucca confit alla vaniglia e croccante di mandorle. Eccezionale. Francesco Sposìto è stato il più giovane italiano a cingersi di allori Michelin. E si sente. Nel frattempo Mario, il saggio sommelier, non sta a guardare e sforna un’unica etichetta per tutto il pasto: Vigna del Vulcano Lacryma Cristi del Vesuvio Villa Dora. Eccezionale bis. Tutto questo senza essere riuscito ad assaggiare il Foie gras in carrozza. Imperdonabile dimenticanza, ma presto recupererò.

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy