Relais & Châteaux e Slow Food per promuovere il cibo pulito e giuso

L’Associazione francese aderisce a Food for Change: chef e albergatori di tutto il mondo scendono in campo per combattere a tavola e nelle cucine il cambiamento climatico e proteggere la biodiversità.
Relais & Châteaux rinnova ed estende la partnership con Slow Food. L’Associazione sarà in prima linea nella lotta contro i mutamenti del clima e per la difesa dell’ambiente e della biodiversità, partecipando con i suoi chef di fama internazionale a festival gastronomici, tavole rotonde e masterclass e proponendo sulle sue tavole menu sostenibili approvati da Slow Food.
 
Il supporto alle attività promosse da Slow Food rappresenta un pilastro dell’impegno condiviso dagli oltre 560 associati a Relais & Châteaux in tutto il mondo, proteggere l’ambiente e valorizzare la ricchezza e la diversità delle cucine e delle tradizioni legate all’ospitalità. Una responsabilità sancita nel 2014 attraverso la firma all’UNESCO del Manifesto di Relais & Châteaux, che ha introdotto nelle cucine dell’Associazione buone pratiche di riduzione dell’impatto ambientale come l’utilizzo di materie prime locali e stagionali, l’abolizione di carne proveniente da allevamenti industriali e l’introduzione di un approccio vegetariano.  Attraverso l’adesione a Food for Change, Relais & Châteaux invita il grande pubblico a riflettere sulle conseguenze del nostro sistema alimentare, oggi responsabile del 30% delle emissioni di gas che causano l’effetto serra.
 
Gli chef di Relais & Châteaux sono i portavoce di questa iniziativa: una rete di oltre settecento tra i più acclamati cuochi al mondo, che grazie alla loro reputazione e popolarità sono considerati veri e propri influencer. Così come la loro adesione alla petizione firmata a gennaio 2018 è stata cruciale per la messa al bando della pesca elettrica nell’Unione Europea, l’auspicio comune delle due associazioni è che la loro discesa in campo possa innescare un dibattito e stimolare un reale cambiamento anche su questo tema di così stringente attualità per la sopravvivenza del pianeta.
 
Come sottolinea il fondatore di Slow Food Carlo Petrini infatti: "Il cambiamento climatico è un dato di fatto. Non possiamo negarlo, è una sfida che dobbiamo affrontare nella vita di tutti i giorni. Ciò che mettiamo nel piatto ha un impatto fortissimo sull’ambiente, maggiore di quello delle macchine che guidiamo. Con la campagna #FoodForChange lanciamo un appello agli chef Relais & Châteaux di tutto il mondo affinché ci aiutino a diffondere questo importante messaggio e, attraverso la creazione di menù sostenibili, accendano i riflettori sulla complessità della catena alimentare e sull’importanza della qualità di ciascun ingrediente che portiamo in tavola."
 
Dal 4 al 7 ottobre, gli chef Relais & Châteaux di tutto il mondo scenderanno in campo per dimostrare che il cambiamento è possibile, e può iniziare anche a tavola. Le dimore che aderiranno a Menus for Change serviranno infatti nei rispettivi ristoranti per una settimana menu coerenti con la filosofia di Slow Food. I piatti saranno costruiti utilizzando ingredienti sostenibili, per sottolineare l'impegno dell'Associazione per la protezione dell’ambiente e la valorizzazione delle tradizioni locali.

Dal 16 al 18 novembre infine Relais & Châteaux parteciperà all’ottava edizione del Mercato Slow Food di Zurigo, che ogni anno accende i riflettori sulle tematiche del cibo etico e sostenibile radunando oltre 250 produttori di presidi Slow Food e più di 14.000 visitatori. L’Associazione allestirà un tavolo dedicato alle degustazioni di prodotti provenienti da diverse dimore nel mondo, con iniziative dedicate ai visitatori più giovani e show cooking.
© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy