Homepage

Radler, il panache con birra Forst di Merano

La birra Forst di Merano vanta origini ormai centenarie. Tre tipologie per tre gusti differenti. E il Ralder è un panache assai interessante in Val Pusteria.
Chi è convinto che per creare un’ottima birra ci vogliano soltanto collinette e temperature primaverili, si sbaglia di grosso! Nella zona di Merano, in Alto Adige, alle pendici del monte San Giuseppe, viene prodotta dal 1857 una delle birre più importanti del nostro paese, la birra Forst Sixtus, che, nonostante la veneranda età, si impone ancora per produzione e qualità. Tutto inizò da due imprenditori meranesi, ma la fama dell’azienda omonima si concretizzò grazie al patron Josef Fuchs, che ne prese le redini nel 1863 e da allora la sua esperienza si tramanda di generazione in generazione. Se adesso ne vengono prodotti 700.000 hl , ci sarà un motivo! La Forst Sixtus (doppio malto, 6,5 %Vol, di color ambrato e corposa al punto giusto) è considerata la birra ammiraglia dell’azienda, ma la Forst Kronen (chiara, 5,2 %vol e dal sapore aromatico) e la Luxus Light (2,2 %vol) si difendono molto bene. In Val Pusteria bevono la Radler, birra Forst Kronen e limonata insieme, un po’ per rinfrescarsi, un po’ per seguire le orme franco-tedeschi del panaché. Per informazioni sugli eventi del birrificio Forst in Italia, visitate il sito www.forst.it, in cui potrete anche imparare come spillare una Forst, come calibrare la quantità di schiuma e scegliere il bicchiere adatto per ogni singola caretteristica organolettica.
© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy