Ristoranti

Otto nuovi ristoranti nel Buon Ricordo

52 anni d’età, 8 nuovi associati, per un totale di 101 insegne, di cui 10 all’estero fra Europa, Giappone e Cina: questi i numeri dell’Unione Ristoranti del Buon Ricordo.
Dal 1964 l’Unione Ristoranti del Buon Ricordo salvaguarda e valorizza le tante tradizioni e culture gastronomiche del nostro Paese, accomunando sotto la tutela della cucina del territorio ristoranti e trattorie di campagna e di città, dal Nord Al Sud. A caratterizzare ciascun ristorante, e a creare fra loro un trait d’union, è ora come un tempo il piatto-simbolo dipinto a mano dagli artigiani della Ceramica Artistica Solimene di Vietri sul Mare su cui è effigiata la specialità del locale, che viene donato agli ospiti in memoria di una piacevole esperienza gastronomica da ricordare.

Nel loro insieme, ristoranti e trattorie associati rappresentano, con la varietà straordinaria delle loro cucine, il ricchissimo mosaico della gastronomia italiana. Un mosaico che quest’anno si arricchisce di nuove preziose tessere, 8 ristoranti che sono stati ammessi nell’associazione dopo un’attenta valutazione dei requisiti.
Questi i nuovi soci, con le rispettive specialità: a Bormio (SO) Al Filò con Cilindri di maialino in porchetta, ad Ameglia – Loc. Bocca di Magra (SP) Capannina Ciccio con Zuppa di farro della Garfagnana con moscardini nostrani, a Mortegliano (UD) Da Nando con La polente cuinciade. A Rieti La Foresta con Conchiglioni con Persico Reale dei laghi reatini al profumo di maggiorana, ad Arquà Petrarca (PD) La Montanella con Prosciutto cotto nel vino, a Perugia La Rosetta con Torello alla perugina, a Scandiano (RE) Osteria in Scandiano con Puntine di maiale nostrano in confit con verza saltata e confettura di arance, a Castiglione dei Pepoli (BO) Taverna del Cacciatore con Tortellini con olio EVO toscano in cialda di parmigiano.

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy