Marco Martini: tre ingredienti per un piatto di alta cucina

«Sono molto curioso, amo viaggiare e sperimentare. Credo fermamente in ciò che faccio. Le mie proposte si basano sulla tradizione romana-laziale ma con un’impronta internazionale. Nonostante ci sia un’estrema ricerca, il continuo rimando ai “sapori di una volta” rende le mie portate evocative e, di conseguenza, facili da comprendere per tutti».
LA STORIA

Una simpatia contagiosa e un’umiltà propria dei veri “grandi” sono i punti di forza dello chef Marco Martini. Se a queste caratteristiche si aggiunge un pizzico di faccia tosta romanesca il mix è quello vincente. Non ha ancora 30 anni ma di strada ne ha fatta tantissima da quando, per arrotondare, faceva da fattorino per la pizzeria vicino a casa. È stata la curiosità a farlo passare dalla sella del motorino alla pala del forno a legna e proprio in questa occasione Marco ha scoperto la sua innata e profonda passione per il mondo della cucina. Abbandonati pasta e condimenti ha prestato servizio in diversi ristoranti, passando perfino da Londra all’Apsleys di Heinz Beck e nel quartiere di South Kensington nella brigata di Tom Aikens. «Tutte le esperienze sono in egual modo significative – racconta Martini – perché in qualsiasi cucina si possono apprendere modi di pensare e differenti approcci al lavoro. Credo si impari qualcosa anche dalle nonne ai fornelli! L’avventura lavorativa che mi ha maggiormente formato è stata sicuramente quella durata ben sette anni al fianco di Antonello Colonna nel ristorante Open Colonna. È durante questa esperienza che, a soli 24 anni, ho conquistato la prima stella Michelin. All’epoca neanche riuscivo a capirne bene l’importanza…» Oltre a questo importante riconoscimento negli anni ha avuto anche due forchette Gambero Rosso e ha ricevuto il Premio Cucina d’Autore dal Touring Club Italiano e quello come chef emergente d’Italia 2013.

Gallery

  • marco martini3
  • marco martini1
  • marco martini4
LA CUCINA

La disarmate genuinità di Marco Martini si riflette anche nei suoi piatti, che oggi può proporre nel ristorante romano Stazione di Posta di proprietà di Pino Cau, da quest’anno insignito di una stella Michelin. « Cerco di usare materie prime biologiche e posso assicurare che mantenere l’alto standard che mi sono prefisso comporta grande fatica, in quanto il loro reperimento non è sempre facilissimo. Non ho preferenze particolari, uso quello che ho a disposizione e che mi ispira sul momento. Di certo però non userò mai insetti o formiche, anche se c’è chi dice siano il futuro dell’alimentazione! Sfogliando il menù con occhio attento ci si accorge immediatamente che tutte le mie portate si basano al massimo su tre ingredienti. Alla Stazione di Posta sono finalmente libero di esprimermi liberamente dal bar all’aperitivo, passando ovviamente per il menu à la carte». La continua sperimentazione di Martini è testimoniata dal veloce cambiamento di proposte nella carta del ristorante; nel 2014 sono stati 56 i nuovi piatti, ai quali Marco è ugualmente affezionato. Chiedergli quale sia il suo preferito sarebbe come domandare a un pittore qual è il suo quadro più bello. «Ci sono però due preparazioni che definirei le mie portate del cuore. La prima è il raviolo al vapore pollo e brodo di patate arrosto, un vero e proprio incontro tra Oriente e Occidente. Si tratta di un raviolo trasparente ripieno di pollo alla cacciatora, salsa di soia e brodo di patate perché un rimando alla tradizione ci sta sempre bene. Il secondo piatto che amo di più è il Merluzzo Patanegra e arancia amara. Tutto è partito dal ricordo vivo del merluzzo al vapore intinto nella maionese fatta in casa... Cerco di utilizzare sempre l’immaginazione e di mescolarla quanto basta a immagini tratte dalla vita reale».

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy