Luoghi e Itinerari

Itinerari enogastronomici: ristoranti e rifugi Val Gardena

Itinerari enogastronomici: ristoranti e rifugi in Val Gardena. Grandi chef, cucina dell’Alto Adige e la cucina creativa, rifugi e masi gourmet!
Itinerari enogastronomici: i ristoranti gourmet della Val Gardena. In questa parte dell'Alto Adige si possono alternare ristoranti gourmet, rifugi e masi di alta qualità e grandi chef sempre pronti a trasformare la cucina tradizionale in alta cucina. Proprio la cucina creativa ottiene un significativo riconoscimento quest'anno, grazie all’attribuzione della stella Michelin al Ristorante Gourmet del Grand Hotel Alpenroyal di Selva Val Gardena. Premiata la creatività del suo chef Felice Lo Basso, che da anni miscela i piatti della cucina tradizionale ladina con quelli mediterranei della sua terra d’origine, la Puglia, cosa che ha portato alla realizzazione di un libro, la “Grande cucina dell'Alpenroyal". Questo giovane talento è in poco tempo diventato uno dei migliori chef delle Dolomiti, grazie anche all’utilizzo di soli prodotti freschi e di prima qualità e alla sua volontà di non rinunciare mai ai sapori semplici di una cucina dalle antiche tradizioni, come quella ladina. Tra le sue specialità anche il “Finto canederlo di mare”. A Ortisei invece, il ristorante Anna Stuben è stato affidato allo chef Raimund Brunner, che utilizza esclusivamente prodotti biologici e conduce una ricerca, che passa attraverso materie prime, come la farina di pere (piccole pere della Val d’Isarco, essiccate e macinate), usata per la preparazione di primi piatti e dessert. All’Antica Osteria Traube si punta molto sulla cucina creativa e sulla fantasia del giovane chef Norbert Dejaco, mentre, il Ristorante Concordia, di Rudi Pescosta, e il Ristorante Tubladel, di Haymo Demetz, sono molto tradizionali (quindi con la tipica cucina dell’Alto Adige) e qui si possono assaggiare ricette antiche preparate con prodotti freschi, per la maggior parte a km 0. Tra i ristoranti a Selva Val Gardena, il Gourmet Nives propone una cucina creativa, in cui i piatti sono abbinati, dall’abile chef Franco De Bin, a quadri di pittori quali Monet e Kandinsky. Sempre presso il Nives, sono proposti dei menu di degustazione, a base di cioccolato. La “Tea room Villa Frainela”, invece, famosa per i dolci fatti in casa, la cioccolata calda e le oltre 50 varietà di tè e infusi. Molto apprezzati anche i masi e i rifugi lungo le piste da sci, come la Baita Sofie, con la più alta cantina di vini eccellenti e champagne, che offre aperitivi con gamberoni alla griglia, speck altoatesino e spumante Arunda rosé, la Baita Daniel, con una variazione di canederli dall’antipasto al dessert, e il Rifugio Troier, che propone dolci fatti in casa e una specialità: la "Nonna bollente". Il Rifugio Emilio Comici è un posto speciale dove poter gustare piatti di pesce a oltre 2.400 metri ed è noto per le serate a tema, che si concludono con lunghe discese notturne in slittino o con gli sci, a lume di torcia. Infine, il Rifugio Salei, nei pressi del Passo Sella, vale una sosta per gustare il famoso “Kaiserschmarren”. Itinerari enogastronomici in Val Gardena, tra ristoranti e rifugi gourmet! Info: www.valgardena.it
© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy