INSIEME: JRE per San Patrignano

12 chef JRE Italia, 12 cene benefiche per un anno di alta cucina a sostegno della Comunità di San Patrignano: è il nuovo progetto benefico il cui ricavato sarà destinato alla gestione quotidiana di questa importante realtà di recupero.
Il mondo JRE Italia, l’Associazione che raccoglie i migliori giovani ristoratori italiani, incontra quello della Comunità di San Patrignano, da oltre 40 anni impegnata nell’aiuto di ragazze e ragazzi con problemi di dipendenza, per dare vita a progetti concreti volti al sostegno di questa realtà di recupero, la più importante comunità gratuita a livello europeo.Una collaborazione presentata in occasione dell’ultimo Congresso Nazionale JRE Italia, che diventa oggi legame mirato alla realizzazione di iniziative utili a supportare la comunità sia dal punto di vista formativo, per i giovani impegnati negli studi di ristorazione, sia per quanto riguarda attività volte alla raccolta fondi. Ecco quindi che, da gennaio 2020, partirà il progetto “INSIEME – JRE per San Patrignano”: 12 chef JRE per altrettante cene nei rispettivi locali, il cui ricavato servirà appunto alla gestione quotidiana della Comunità di San Patrignano. Ogni appuntamento vedrà anche la partecipazione di almeno un ragazzo della comunità, che racconterà ai presenti la sua esperienza, così da rendere ancora più coinvolgente e significativo il momento di incontro, accentuando quanto la cucina possa diventare mezzo di cultura, unione e
sensibilizzazione.

“Questa collaborazione rappresenta per noi JRE non solo l’occasione di fornire un supporto concreto nei confronti di una realtà così importante, che ogni giorno porta avanti questa difficile missione – spiega Luca Marchini, presidente JRE Italia – ma anche un’opportunità di crescita personale".

”L’amicizia che ci lega ai Jeunes Restaurateur è di lunga data – sottolinea Roberto Bezzi, Presidente Comunità di San Patrignano - Sono stati i primi ad essere entrati nella cucina della comunità dove insieme abbiamo scoperto di appartenere a valori affini. È infatti intorno alla tavola che è nata San Patrignano, luogo di apertura e di dialogo, ma anche di attenzione e di rispetto verso sé stessi e verso il prossimo.”.

Questi gli chef JRE Italia coinvolti:
Silvio Battistoni, Albergo Ristorante Le Colonne – Varese (VA)
Tommaso Arrigoni, Ristorante Innocenti Evasioni – Milano (MI)
Paolo Donei, Ristorante Malga Panna – Moena (TN)
Luca Marchini, Ristorante L’Erba del Re – Modena (MO)
Lina e Marialuisa Fischetti, Ristorante Oasis “Antichi Sapori” – Vallesaccarda (AV)
Filippo Saporito, Ristorante La leggenda dei Frati – Firenze (FI)
Renato Rizzardi, Ristorante La Locanda di Piero – Montecchio Precalcino (VI)
Stefano Di Gennaro, Ristorante Quintessenza – Trani (BT)
Riccardo di Giacinto, Ristorante All’Oro – Roma (RM)
Emanuele Donalisio, Ristorante del Gusto – Ventimiglia (IM)
Enrico Gerli, Ristorante I Castagni – Vigevano (PV)
Il primo appuntamento è previsto per martedì 28 gennaio 2020 con Luca Marchini, Ristorante
L’Erba del Re di Modena.

La compagine italiana, oggi composta da 88 chef, è guidata dallo chef Luca Marchini, titolare del Ristorante L'Erba del Re di Modena.

SAN PATRIGNANO
Da oltre 40 anni la comunità San Patrignano accoglie ragazze e ragazzi con problemi di dipendenza senza fare alcun tipo di discriminazione ideologica, sociale, religiosa e in modo completamente gratuito, cioè non accettando rette o contributi economici dalle famiglie e dallo Stato. Una scelta che permette allo Stato di risparmiare oltre 30 milioni di euro l’anno. Attualmente sono 1.300 i ragazzi accolti nella comunità situata sulle colline riminesi.
© Copyright 2019. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy