Ristoranti

Il romanticismo gourmet di Villa Abbazia

Intima e romantica la struttura di Villa Abbazia brilla nella campagna di Valdobbiadene. Ad arricchire il suo fascino: il ristorante stellato condotto dallo chef leccese Donato Episcopo.

Follina è il punto di partenza ideale per visitare le più belle città del Veneto. Qui sorge un ristorante di cucina creativa, all’interno di una struttura affascinante come il Relais Chateaux “Villa Abbazia” della famiglia Zanon. Un Palazzo veneto del XVII secolo che si unisce allo charme di una Villa in stile liberty nel bel mezzo della campagna di Valdobbiadene.

L’albergo ha il fascino delle dimore amate e vissute dalle famiglie, ogni dettaglio: dal cuscino ricamato a piccolo punto alla foto incorniciata e appesa parlano di amore per questo luogo. L’albergo è un microcosmo con il bar dove le signore si siedono per un tè con i pasticcini fatti in casa o un aperitivo con tramezzini gustosi e invitanti, il negozio gestito da un’altra sorella che per i clienti è aperto 24 ore su 24 e naturalmente il ristorante stellato dove gustare in un ambiente raccolto e accogliente buon cibo. La stella Michelin è stata confermata quest’anno al ristorante con lo chef Donato Episcopo, arrivato a marzo di quest’anno.

 

Il ristorante “La Corte”, che prende il nome dalla deliziosa corte interna in cui è possibile cenare nelle calde sere estive, è condotto dal giovane chef Donato Episcopo, leccese classe 1973, che vanta un percorso professionale con importanti esperienze in Italia e all’estero. Tra le quali annovera quella di sei anni trascorsi al ristorante “La Pergola” di Roma, presso l’Hotel Cavaliere Hilton, regno del famoso pluristellato chef Heinz Beck.
La sua spiccata personalità e la sua innata curiosità hanno portato spesso Donato Episcopo fuori dai confini della sua amata regione e ciò gli ha consentito di approfondire la conoscenza delle altre tradizioni gastronomiche italiane. Così, forte dell’esperienza acquisita, è diventato l’interprete di una cucina di alta qualità basata sull’eccellenza degli ingredienti che ricerca con grande determinazione. Piatti antichi della tradizione realizzati, rispettosamente, con creatività e fantasia. Piatti nuovi di assoluto equilibrio e piacevole presentazione.


Tra i tanti piatti che compongono il menu del ristorante vanno segnalati tra gli antipasti, il Dialogo di branzino e cappesante su crostone di pane e insalatina di asparagi verdi alla citronette di limone, tra i primi, i Maccheroncini cavati al ferretto mantecati ai frutti di mare, pomodorini confit e julienne di zucchine, tra i secondi piatti, il Lombo di agnello in crosta di olive nere e carciofo alla brace ripieno di pane raffermo e alici salate. Infine, tra i dessert la Creme brulé alla vaniglia Tahiti con gelato e granita di caffè. Cin cin!

Rimani aggiornato sulla cucina italiana di qualità con la rivista ItaliaSquisita!




In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy