Homepage

Il Moscato di Scanzo

Un convegno per raccontare la storia della Docg più piccola d’italia
Raccontare l’origine e il futuro della Docg più piccola d’Italia, il Moscato di Scanzo. Il Moscato di Scanzo è una vera rarità fra i vini docg. Il territorio nel quale viene coltivato il vitigno è solo quello bergamasco, all’interno del quale la zona di selezione, Scanzorosciate (BG), è poco più che un giardino. Caratterizzato da un grappolo medio piuttosto spargolo (meglio per l’appassimento), con buccia sottile, quello di Scanzo è un moscato nero. Portato dai Romani, la sua presenza in zona è documentata dalla metà del ‘300; deriva probabilmente dall’incrocio avvenuto naturalmente fra una varietà rossa e una aromatica (aleatico o malvasia). Oggi la sua produzione è ridotta ma sta conoscendo un rilancio significativo viste le grandi qualità organolettiche del vino. Le tre aziende consigliate dalla guida dei Vini d’Italia 2010 di Gambero Rosso: Le altre aziende del Consorzio: www.consorziomoscatodiscanzo.it

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy