Homepage

I nuovi JRE presentati a Parma

A Parma presentati i 7 nuovi chef che entrano a far parte di JRE Italia Il presidente Emanuele Scarello: facciamo volare l’alta cucina italiana
E' appena terminato a Parma il congresso annuale dei JRE, Giovani ristoratori italiani, un gruppo che diventa sempre più un punto di riferimento nel panorama della ristorazione in Italia e in Europa, che conta un’ottantina di associati, chef italiani, presenti in tutto il territorio nazionale. Nell’incontro sono stati illustrati dal Presidente Emanuele Scarello gli impegni dell’associazione visualizzati nel Mondo JRE, un insieme di iniziative e di valori che stanno alla base delle attività dell’associazione. Iniziamo con il satellite CULTURA, tema molto a cuore e che ha visto JRE promuovere la cucina italiana alla Fondazione Guggeheim, ma anche un progetto dell’ UNESCO, Italia Longobardorum, dove JRE è entrata in qualità di partner di un sito seriale assieme alle città di Cividale del Friuli (capofila) assieme a Brescia, Castelserpio, Spoleto, Campello sul Clitunno, Benevento e Monte Sant’Angelo si creerà un polo di eccellenze per la salvaguardia e il rilancio qualitativo delle produzioni agroalimentari. Un altro ambito è costituito dal satellite RICERCA e dal protocollo di’intesa firmato con AGIA, Associazione Giovani Imprenditori Agricoli della CIA, con il quale si è deciso di incrociare le produzioni di eccellenza degli imprenditori agricoli con le cucine dei JRE. Gianfranca Parisi, Presidente AGIA, ha affermato che in questo modo si intende “portare i nostri orti vicino agli chef JRE, dove ogni cucina avrà un agricoltore di riferimento. Un’iniziativa che va nella direzione della valorizzazione sia delle produzioni agricole italiane, che della cucina creativa e sana dei JRE. Nel satellite VALORI è stato inserito il progetto presentato il 10 febbraio a Roma dal titolo “Buonitalia – Prendi il volo con i sapori originali italiani” progetto realizzato da Alitalia e Aicig (Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche e promosso insieme a Buonitalia, Federdoc, Ais (Associazione Italiana Sommelier e, ovviamente JRE Italia. Si tratta, ha affermato Walter Brunello presidente di Buonitalia di un progetto che vedrà protagonista l’alta cucina dei JRE nel mondo e attualmente nella classe Magnifica dei voli diretti a New York, Chicago, Toronto e Miami. Un accordo che valorizza, come sottolineato dall’avv. Pier Maria Saccani, Segretario AICIG tutte le produzioni tipiche del territorio italiano a marchio di tutela e che aumenterà ancora di più la veicolazione delle nostre eccellenze nel mondo. Il satellite della solidarietà è al centro delle attività JRE e lo scorso anno nell’evento Frecce e stelle, sono stati raccolti ben 145.655,00 Euro destinati a 3 diversi istituti di ricerca e di aiuto concreto alle situazioni di disagio. Grande attenzione viene anche dedicata al satellite della formazione, dove JRE è presente in 3 progetti: Ristorerò, evento in omaggio a Vittorio Cerea e quest’anno anche a Luigi Veronelli, dove JRE è in giuria. Per la prima volta JRE è anche nella giuria del prestigioso premio internazionale Bocuse D’Or, e il progetto Carmen, che ha già assegnato una borsa di studio a favore di un giovane chef. Anche il satellite editoria avrà un ruolo importante nelle attività JRE e quest’anno la Guida per la prima volta è edita da Mondadori, e per la prima volta si troverà in vendita nelle librerie. Mentre con alcune testate, in particolare La Cucina del Corriere della Sera e Ville e Giardini sono stati avviate rubriche di approfondimento sul tema della cucina. Un’attività intensa che è resa possibile dal talento e dalla passione dei soci JRE, ma anche dal clima di forte coesione di tutti i membri. Anche i partner dell’associazione hanno un ruolo determinante perché è fondamentale il loro sostegno. Sono quindi stati presentati i 7 nuovi grandi chef italiani dell’Associazione JRE Italia, che sono:
  • Christian Costardi, Ristorante Cinzia – Da Christian e Manuel – Vercelli
  • Enrico Bartolini – Ristorante Le Robinie – Montescano (Pv)
  • Valerio Centofanti – Ristorante L’Angolo d’Abruzzo – Carsoli – AQ
  • Nicola Fossaceca – Ristorante Al Metrò – San Salvo Marina – CH
  • Nadia Moscardi – Ristorante Elodia – L’Aquila fraz. Camarda
  • Iside Maria De Cesare – Ristorante La Parolina – Trevinano Acquapendente VT
  • Giulio Terrinoni – Acquolina Hostaria – Roma
  • Ernesto Iaccarino, primo vicepresidente internazionale JRE, ha, poi illustrato come la cucina italiana sia considerata particolarmente interessante a livello mondiale, soprattutto per le sue qualità di leggerezza e del corretto uso dei grassi, per la presenza di fibre, e perché in generale costituisce una dieta equilibrata, ma che necessita di un sostegno più forte perché venga maggiormente considerata. “Questo è il nostro mondo JRE,” ha affermato al termine Emanuele Scarello, “un mondo dinamico e attivo per far volare la cucina italiana di qualità.

    In questa notizia

    © Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy