Ristoranti

"El Coq" nel centro di Vicenza

A Vicenza aprirà un ristorante stellato in piazza dei Signori, davanti alla Basilica Palladiana. Il 19 luglio, infatti, Lorenzo Cogo trasferirà «El Coq», stellato Michelin dal 2012, al primo piano del palazzo che ospita il Caffè Garibaldi.
«Sarà un nuovo capitolo della vita di “El Coq” e coinciderà con il mio trentesimo compleanno». Se i lavori saranno completati in tempo, il 19 luglio il giovane e brillante chef vicentino potrà inaugurare l’unico ristorante stellato di Vicenza città e la nuova gestione del Caffè Garibaldi.
«Il Garibaldi è uno dei Caffè storici d’Italia e resterà il Caffè della città con una linea di croissant e di pasticceria che curerò personalmente. A pranzo sarà anche bistrot e proporrà cocktail per il dopo cena. Rimarremo aperti dalla colazione del mattino alla sera tardi». «Il ristorante gourmet — prosegue Cogo — avrà un ingresso separato e troverà posto al primo piano. Ristorante e Caffè saranno due attività distinte ma avranno una stessa linea». Il Caffè Garibaldi è un locale di proprietà del Comune di Vicenza grande 750 metri quadrati con le vetrate che danno sul capolavoro del Palladio.

Il 30 giugno si chiusa l’esperienza di «El Coq» a Marano Vicentino, «il mio paese che tanto mi ha dato e a cui ho restituito molto». Cogo in provincia aveva acquistato un locale disastrato dopo tre gestioni fallimentari e l’ha portato nell’olimpo dell’alta cucina. Per inseguire il sogno di aprire a Vicenza ha detto di no qualche anno fa alla proposta della famiglia Bisol di trasferire «El Coq» a Mazzorbo nella laguna di Venezia. Più recentemente, ha detto di no anche al Caffè Pedrocchi che gli avrebbe dato carta bianca per la cucina dello storico locale in centro a Padova. «Ora sono concentrato sui lavori a Vicenza, non mancano molti giorni all’apertura. A Marano chiuderò ma sto ragionando su un format che si avvicini di più alle esigenze del paese e della clientela locale».

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy