Homepage

Diventare sommelier? Il mini corso sommelier di Luca Gardini

Come diventare sommelier, spiegato in questo mini corso sommelier dal campione del mondo in carica Luca Gardini. E i link giusti per i corsi sommelier!
Come diventare sommelier, spiegato in questo mini corso sommelier dal campione del mondo in carica Luca Gardini. Un racconto breve dell'ex sommelier dell'Enoteca Pinchiorri e Carlo Cracco, che illumina in modo semplice chi vuole diventare un sommelier. Alla fine del testo ci sono anche alcuni link consigliati da Luca Gardini, quelli giusti per seguire i corsi sommelier! Buona lettura! Ciao a tutti, sono Luca Gardini. Diventare sommelier? Molte persone mi chiedono se esiste una tecnica per degustare un vino. Lo so, per me è facile, perché sono anni oramai che bazzico con il mio naso i calici di mezzo mondo, ma per un neofita che non sa neanche da dove iniziare? Ebbene, al di là di un corso sommelier, esiste in realtà un metodo per imparare ad apprezzare e capire i vini. Prima di tutto bisogna amare il vino, apprezzarlo e farsi una cultura a riguardo, comprando riviste come Bibenda e Spirito diVino per acculturarsi. Solo a questo punto ci si può focalizzare su otto-dieci vini che si vogliono conoscere meglio. Per la scelta dipende molto dai nostri gusti personali: può essere una Barbera, un Prosecco di Valdobbiadene, oppure un Moscato o un Brunello di Montalcino. Una volta individuato il “preferito”, vado in enoteca e compro più bottiglie, di diverse annate ed etichette. In questo momento può iniziare la degustazione! Il colore è la cosa più semplice da individuare: si parte dal giallo paglierino tenue a un giallo oro antico, da un rosso porpora dai riflessi violacei a un rosso aranciato con riflessi mattonati. Tutto qua, basta avere davanti la scala cromatica. Ecco allora che entra in gioco il naso: il trucco è collegare il profumo al vino e quindi ai ricordi personali del cervello, per non scordarlo più. Cercare di trovare nel vino dei ricordi olfattivi, siano odori floreali, minerali, speziati o fruttati. L’importante è annusare il meno possibile, ossia portare il naso al bicchiere due o tre volte per 3-4 secondi. Non di più, altrimenti i nostri recettori si assuefanno. Infine la bocca: un vino colpisce per l’avvolgenza, la mineralità, la sapidità, i tannini (quella sensazione del vino rosso che ricorda l’allappamento della banana acerba, ndr), la frizzantezza se è uno spumante, ecc. Fate lavorare il cervello ed emozionatevi, questo è il trucco. Ecco il mio mini corso sommelier per iniziare a diventare un sommelier.   Ecco i link giusti per i corsi sommelier consigliati da Luca Gardini: AIS: www.sommelier.it (Associazione Italiana Sommeliers) WSA: www.worldwidesommelier.com (Worldwide Sommelier Association, l'Associazione dei Sommelier nel Mondo)
© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy