Appuntamenti

Aperte ai bisognosi le porte del Refettorio Felix a St Cuthbert’s

Refettorio Felix, un progetto nato dalla collaborazione di Food for Soul, St Cuthbert’s, The Felix Project e London Food Month, ha completato il suo primo giorno di servizio.
Il primo chef a prendere posto ai fornelli nuovi di zecca è stato Massimo Bottura, fondatore di Food for Soul, che ha creato un menù partendo da 50 cassette di ingredienti in surplus consegnate in mattinata dalla charity The Felix Project. Bottura ha trasformato una gran varietà di verdure in una ricca zuppa, seguita da fusilli al pesto di pangrattato e da un gelato all’earl grey con biscotti, tributo alla celeberrima tradizione britannica.

Ben 60 ospiti provenienti da condizioni svantaggiate e di vulnerabilità sociale sono stati accolti da un’instancabile squadra di volontari nella nuova sala da pranzo. Progettata dall’architetto Charles Wainright e dallo studio di design StudioIlse, la sala si presenta come uno spazio funzionale e accogliente, arricchito da piante, materiali naturali e colori luminosi che punterà a diventare centro di riferimento per l’intera comunità negli anni a venire.

Refettorio Felix sarà aperto a tempo indefinito per servire il pranzo ai bisognosi dal Lunedì al Venerdì, dalle 12:30 alle 14:00. Ogni giorno, durante il London Food Month, uno chef ospite cucinerà pro-bono per gli ospiti. Solo durante questa settimana, il Refettorio vedrà avvicendarsi Alain Ducasse, Enrico Cerea, Clare Smyth e Margot Henderson.

Subito dopo il servizio ha preso luogo l’inaugurazione ufficiale del Refettorio Felix, a cui hanno partecipato circa 120 ospiti. Presentato da Tom Parker Bowles, direttore creativo del London Food Month, il presidente del centro St Cuthbert’s Richard Parker è stato il primo a parlare: “
Quello di oggi è un giorno di grande importanza per noi. Ci sentiamo davvero onorati a esser stati scelti per ospitare questo nuovo progetto.” Justin Byam Shaw, presidente di The Felix Project, ha condiviso un pensiero acuto sullo spreco alimentare:
“Ovunque c’è cibo a sufficienza; solo, non sta raggiungendo le persone giuste.” Alla domanda sul perché avesse scelto St Cuthbert’s come spazio, Bottura ha risposto: “Non l’ho scelto io, è stato lo spazio a scegliere me.” Ancora lo chef ha descritto Refettorio Felix come un progetto di inclusione: “In un momento in cui si innalzano muri, qui al Refettorio Felix li abbattiamo. Insieme abbiamo costruito uno spazio di bellezza che vada a beneficio dell’intera comunità”. Parlando del restyling, Ilse Crawford ha commentato: “La bellezza non ha confini ed è un diritto universale.”

Per quanto la mensa e il servizio non siano aperti al pubblico, è possibile visitare Refettorio Felix durante la settimana dalle 16:00 alle 17:00. Refettorio Felix resterà aperto come un incubatore di cultura, ispirazione e inclusione sociale.



Ph. credit: The Felix Project

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy