Homepage

Un tesoro dall’orto invernale: il radicchio

Verdura pregiata, dalle varietà a indicazione geografica protetta, il radicchio si presta ad essere utilizzato per la preparazione di gustose ricette di alta cucina.
Coltivare l’orto: oggi parliamo del radicchio. Il radicchio (Cichorium intybus) è una pianta erbacea annuale e appartiene alla famiglia delle Compositae. Prelibato frutto dell’orto invernale, il radicchio, presenta un fusto rigido, ramificato, contenente un lattice biancastro. Cambia colore e forma a seconda delle varietà e presenta un sapore dolce nelle varietà precoci e un delicato retrogusto amarognolo nelle varietà tardive. Già nell’antichità, Plinio il Vecchio ne elencava le proprietà benefiche, indicandolo come alimento utile per purificare il sangue e per combattere l’insonnia. La coltivazione del radicchio si è diffusa in Italia a partire dal  XVI secolo, in particolare nella provincia trevigiana, dove il radicchio è oggi un prodotto a Indicazione Geografica Protetta. La classificazione del radicchio viene fatta in base all'epoca di raccolta e in base alle caratteristiche fisiche della pianta (colorazione e forma della foglia). Le varietà di radicchio più conosciute sono il radicchio di Treviso, varietà molto pregiata , dal colore rosso e dal sapore amaro ma gradevole, il radicchio di Castelfranco, con foglie di colore bianco crema e un sapore delicato e il radicchio di Verona e di Chioggia, che presentano foglie rosse e cespi tondeggianti. Le proprietà benefiche del radicchio sono molte. È un alimento depurativo, altamente consigliato come rimedio alla stitichezza e presenta un elevato contenuto di vitamina A, vitamina C e ferro ed è inoltre consigliato in caso di diabete, obesità e insonnia. Ricco di sali minerali, il suo consumo è particolarmente consigliato per chi soffre di reumatismi, la presenza di polifenoli, inoltre, conferisce al radicchio proprietà antiossidanti. In cucina, le ricette con radicchio sono numerose, e variano anche in base alle specialità regionali. Dal classico risotto alla trevigiana, si passa ai bucatini con scampi e radicchio, passando per secondi come il branzino al cartoccio e radicchio o il coniglio senese con radicchio. E infine una curiosità. Il radicchio mantiene infatti un singolare primato: è stata infatti la prima verdura ad essere portata in orbita, per essere coltivata, durante la spedizione NASA  del 1998 dell’astronauta John Glenn. GiardinaggioInsieme - Rivista Giardinaggio
© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy