Prosciutto Ferrari: le ali del sapore

Il Prosciutto Ferrari è arrivato a Milano direttamente dalle alture, tra Parma e La Spezia, per presentarsi e farsi gustare..
Il Prosciutto Ferrari si è presentato Milano durante un aperitivo alla Salsamenteria, con il “24”: un prosciutto da un gusto dolce e delicato, capace di sedurre anche i palati più esigenti. Cullato da mani esperte e stagionato per 24 mesi all’aria pura delle colline di Tizzano Val Parma a un’altitudine di 800m sul livello del mare, nell’Oasi ambientale di verdissima area della dorsale appenninica all’interno della zona tipica di produzione del Prosciutto di Parma.

L’azienda nasce nel 1978 da Giovanni Ferrari, che dopo anni di esperienza nella lavorazione delle carni, decide di mettersi in proprio e di avviare una propria produzione di Prosciutto di Parma. Da quel giorno l’azienda è cresciuta sempre più fino ad arrivare nel 1979, data in cui è entrata far parte del “Consorzio del Prosciutto di Parma”: da allora M99 è la sua sigla identificativa, che compare su tutti i suoi prosciutti insieme alla tipica corona a cinque punte e alla data di inizio lavorazione. Un marchio a garanzia di chi sceglie il vero Prosciutto di Parma.

L’azienda si dedica solo ed esclusivamente alla produzione del crudo di Parma ed ha una gamma di quattro prodotti: stagionato 24 mesi, 18 mesi, 15 mesi e affettato in atmosfera controllata.

Tutti i processi di produzione aziendale, le procedure, i sistemi di gestione, di realizzazione e di controllo dei prodotti sono verficati peridiocamente da un ente di certificazione autonoma che ritiene Il Prosciutto Ferrari conforme agli standard di certificazione ISO 9001/2000, British Retail Consortium (BRC) e International Food Standart (IFS).

Gallery