Appuntamenti

Natale nel Chianti: presentata l'opera Luci in Vigna

La prima installazione artistica luminosa nei vigneti di Famiglia Cecchi
Da lunedì 12 dicembre alla prossima Epifania, chi passa dalla via Chiantigiana che porta da Monteriggioni a Castellina in Chianti, giusto davanti alla collina di Villa Cerna, può assistere ad uno spettacolo unico: Luci in vigna.

Un’installazione artistica luminosa “site specific” voluta da Famiglia Cecchi, realizzata dall’artista Angela Nocentini, ideata e prodotta da Riccardo Cioni di La Buccia Clonwerk, la “smart community” degli eventi.

 Le foglie del vigneto prendono vita, luce, dimensione, dall’imbrunire a notte fonda. Sono profili luminosi di foglie di Sangiovese che nascono dal terreno, si connettono con la natura adagiata nel suo riposo invernale e la risvegliano per le festività Natalizie. Una dedica, evocativa, al lavoro dell’uomo in questo territorio unico al mondo. Il grappolo poi, simbolo della raccolta, diventa una imponente scultura in vetro verde trasparente formata da un altro simbolo della cultura del vino: la damigiana. Si tratta di una scultura naturale creata per il luogo in cui si trova. È un’opera nata dall’armonia fra il chicco d’uva e il contenitore, in questo caso senza rivestimento in paglia, realizzato in vetro soffiato di recupero in collaborazione con progetto SCART® di Waste Recycling. Per Famiglia Cecchi l’impegno verso la sostenibilità ambientale ed energetica rappresenta infatti un valore identitario da decenni, nonché un impegno concreto declinato anche in numerose scelte strategiche.

 “La rinascita invernale della vigna attraverso questa installazione artistica ha un forte impatto emotivo. Mi auguro che Luci in vigna possa essere meta di turisti, amanti dell’arte, del vino e della natura” afferma Andrea Cecchi.

“Abbiamo realizzato un’installazione diffusa, ispirata dal legame profondo tra la terra e le famiglie che la curano. Innovazione e tradizione sono le parole che abbiamo tenuto in mente fin dall’inizio. Luci in vigna è una poesia scritta con la luce, distesa tra la terra e il cielo sullo sfondo della collina. E’ il segno della gratitudine umana verso la fecondità della natura, ed è il segno dell’amore di chi si prende cura di quella collina anno dopo anno da sempre. Grappolo, così adagiato è una scultura naturale creata per stare ai piedi della vigna. Vuole ispirare i sogni alla vigna nel riposo invernale, essere promessa e memoria fino all’appuntamento estivo quando i grappoli saranno di nuovo gravidi di succo”, spiega l’artista Angela Nocentini.
© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy