Ristoranti

Luigi Taglienti apre "Lume"

Il 16 giugno inaugura a Milano il ristorante Lume. Inserito in un contesto di archeologia industriale, si trova all’interno della ex fabbrica Richard Ginori, in Via Giacomo Watt 37, zona Naviglio Grande.
Lume nasce dalla volontà di Emanuela Verlicchi Marazzi, imprenditrice e Presidente della Fondazione Filippo Marazzi che da sempre investe in iniziative a sostegno di giovani talenti. Lo Chef di Lume è lo stellato Luigi Taglienti, che in seguito a una serie di importanti esperienze a livello italiano e internazionale, è a capo del ristorante.

“Riparto da me - afferma lo Chef Taglienti - la cucina avrà una solida base ancorata alla tecnica, all’esperienza e alla mia storia professionale. Una cucina chiaramente leggibile, che possa parlare anche a una clientela straniera abituata ad alti standard di ristorazione, ma che al tempo stesso ricerca la grammatica e gli archetipi della cucina italiana”. Lume propone una cucina di ricerca che coniuga conoscenza del classico e contemporaneità, in modo armonico e consapevole, con un forte legame al territorio e costante ricerca sulla materia prima.

I menù sono tre: uno alla carta che varia a ogni stagione e due degustazione. Di questi, uno più tradizionale, di influenza milanese, l’altro più sperimentale. Coerente con una scelta di continuità rispetto al lavoro precedente, il menù contiene oltre a numerosi piatti inediti anche alcuni “classici” signature dishes dello Chef. La carta dei vini spazia dalle grandi etichette ai piccoli produttori, basandosi su un’attenta
ricerca legata ai territori, con l’intento di offrire un’ampia e sofisticata possibilità di scelta. Il progetto è a cura dell’architetto Monica Melotti che ha studiato la ristrutturazione e il design degli interni. La cucina, protagonista dello spazio, è racchiusa in un cubo di vetro rivestito da decori ricamati che danno vita a un gioco di volumi di estremo fascino. Elemento centrale di grande impatto, si fonde armoniosamente con la sala permettendo agli ospiti di intravedere cosa accade all’interno.

“L’ispirazione del rivestimento nasce dai motivi dei ricami, mi piaceva l’idea di riportare un dettaglio legato alla memoria e attualizzarlo. E’ in generale l’ottica che sottende il progetto di W37: lavorare mantenendo un equilibrio tra patrimonio storico e contemporaneità”, commenta Monica Melotti, Chief Design Officer di MB America, che ha di recente seguito l’intero progetto di ristrutturazione dell’ultima residenza di Al Capone, 93 Palm a Miami.

Il ristorante, che conta 40 coperti, si sviluppa su due sale, di cui un’area può essere riservata come spazio privato per circa 12 ospiti. La luce ha un ruolo primario, grazie alle ampie vetrate che si affacciano sul giardino interno e alle tonalità bianche e calde che dominano gli spazi. Da qui anche il nome, Lume, una parola senza tempo che evoca un’atmosfera intima e un ambiente accogliente.

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy