Chef

Lo chef Peppino Tinari porta l’Abruzzo a Hong Kong

Peppino Tinari, chef patron di Villa Maiella a Guardiagrele, mercoledì 30 ottobre volerà a Hong Kong per rappresentare l’Abruzzo e l’Italia per una tre giorni di alta cucina.

Lo chef Peppino Tinari, titolare con la sua famiglia dell’hotel e ristorante Villa Maiella di Guardiagrele, volerà a Hong Kong il prossimo mercoledì 30 ottobre per una tre giorni di alta cucina all’interno del prestigioso ristorante Angelini dell’hotel Kowloon Shangri-la.

Ideatori dell’evento gli abruzzesi Marco Medaglia, primo chef del ristorante Angelini e Cristian Giancaterino, exsecutive chef del ristorante Cova di Hong Kong, attualmente titolare di una società di importazione e distribuzione di prodotti alimentari di qualità nella città cinese, che hanno fortemente voluto Peppino Tinari come ambasciatore della gastronomia italiana e abruzzese.

Peppino Tinari, chef stellato del Villa Maiella, porterà la sua esperienza a Hong Kong con due serate a tema dedicate all’Abruzzo, che sarà dunque protagonista su una delle scene più esigenti del mondo. La proposta si baserà sulla tradizione e i profumi tipici della nostra terra, dalla pasta alla chitarra all’olio extravergine, dallo zafferano ai salumi di maiale nero abruzzese, dal semifreddo al parrozzo, dal farro e al tartufo. E non mancheranno naturalmente i vini regionali.

Oltre ai due appuntamenti a tavola per cui è già tutto “sold-out”, verrà organizzata una Master Class di cucina abruzzese per illustrare a professionisti e appassionati i segreti della delle preparazioni regionali.

“Siamo molto felici di questo invito prestigioso – spiega Tinari – che ci consente di portare la nostra cucina in un contesto internazionale dove potremo anche far conoscere, valorizzare e promuovere le nostre eccellenze tipiche e le bellezze del nostro territorio in maniera che si possano ampliare le opportunità di business per le nostre aziende e stimolare il turismo nella nostra regione”.

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy