Luoghi e Itinerari

Itinerari enogastronomici nella cucina tipica emiliana

Itinerari enogastronomici nella cucina tipica emiliana: Parmigiano Reggiano, Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, osterie e ristoranti in Emilia Romagna.
Arrivando a Modena si può trascorrere la giornata in visita alla città, con tappa "obbligata" all'Acetaia Comunale nel sottotetto del Palazzo del Comune (vedi sito) e una sosta per il pranzo rigorosamente in osteria: la vera cucina tipica emiliana allo Stallo del Pomodoro o da Ermes si mangia modenese Doc. Per chi, poi, vuole provare l'alta cucina a cena può fermarsi all'Osteria Francescana, due stelle Michelin, il ristorante del chef d’avanguardia Massimo Bottura (vedi articolo sulla sua incredibile cucina). Alla sera, poi, ci si può avvicinare a Spilamberto (MO), pernottando in zona, proprio a Spilamberto. La mattina comincia all'insegna della tradizione con una colazione alla Pasticceria Gollini in centro storico a Vignola (www.tortabarozzi.it), uno dei pochissimi luoghi dove si può assaporare l'originale Torta Barozzi, simbolo della città: la ricetta di questa torta venne inventata alla fine dell'Ottocento da Eugenio Gollini, bisnonno delle attuali titolari della pasticceria, ed è rimasta la stessa da allora. Per allontanarsi dal caldo della pianura ma non dai sapori tradizionali, il viaggio nella cucina tipica emiliana prosegue in quota: al Caseificio Rosola di Zocca (MO), a 760 metri di altezza, si può assaggiare e acquistare il Parmigiano Reggiano di Bianca Modenese (vedi sito) e successivamente pranzare all'Osteria del Sole, sempre a Zocca. Nel pomeriggio si scende nuovamente a Spilamberto, dove rimane il tempo per una immancabile visita al Museo dell'Aceto Balsamico Tradizionale. Varcare la soglia del Museo dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, accolto nella settecentesca Villa Fabriani nel centro di Spilamberto (MO), significa entrare in una dimensione atemporale speciale, dove il protagonista assoluto è l'invecchiamento dell'aceto secondo una sapienza plurisecolare. Antiche atmosfere sono ricreate da un allestimento d'impronta scenografica che ricostruisce le diverse fasi di produzione del Balsamico, a partire dal vigneto fino all'acetaia, quest'ultima ambientata nei solai della Villa che in passato ospitavano l'acetaia della famiglia Fabriani. Di straordinario interesse è una batteria di botti risalenti ai primi anni del secolo XIX (www.museodelbalsamicotradizionale.org). Se si vuole sapere di più su come si fa l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, basta cliccare qui. Ecco i ristoranti dell’Emilia Romagna in cui poter assaggiare la vera cucina tipica emiliana:
  • Osteria Stallo del Pomodoro: Largo Hannover 63, Modena, tel. 059.214664 (Web: www.stallodelpomodoro.it)
  • Osteria Ermes: Via Ganaceto 89/91, Modena, tel. 059.238065
  • Osteria Francescana: Via Stella 22, Modena, tel. 059.210118 (Web: www.osteriafrancescana.it)
  • Osteria del Sole: Via M. Tesi 1109, Zocca (MO), tel. 059.987361 (Web: osteriadelsole.eu)

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - N.ro Iscrizione ROC 20653 - Privacy policy