Chef

Intervista a Claudio Sadler

“Cucina moderna in evoluzione” è probabilmente la definizione che meglio descrive la filosofia culinaria di Claudio Sadler, chef di fama internazionale insignito di 2 Stelle Michelin (1991, 2002). Milanese di nascita e per spirito, classe 1956, è stato tra i fondatori di “Jeunes Restaurateurs d’Europe” (JRE), è stato presidente dei ristoratori milanesi e, dal 2012, presidente dell’Associazione Le Soste. Altre grandi conquiste per chef Sadler sono rappresentate dalla pubblicazione di sei libri di cucina e dalla creazione di un centro di cucina enogastronomica dove, insieme ad altri insegnanti, organizza corsi per professionisti e appassionati.

“Buono, bello, moderno e leggero sono gli obiettivi che mi spingono a sfruttare le mie conoscenze e la mia creatività. Mi piace definire la mia cucina ‘moderna in evoluzione’, perché la considero un contributo al rinnovamento. Infatti, non mi piace cucinare soltanto piatti tradizionali, ma anche quelli moderni: due estremi che, se sapientemente dosati dall’estro e dalla sensibilità artistica, possono regalare gusti unici e innovativi pur mantenendo il rispetto per la tradizione” - dichiara Claudio Sadler. “Lo considero un modo per salvaguardare il patrimonio culinario nazionale accompagnandolo nella contemporaneità; in altre parole parto dalle radici della cucina nostrana e “trasgredisco” in qualche modo le regole per ottenere un risultato più accattivante”.

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy