Homepage

Il Temporary restaurant fra le mura della Rocca di Dozza

Il primo Temporary Restaurant apre fra le mura della Rocca di Dozza con sei appuntamenti per scoprire la cucina di Yoji Tokuyoshi “per far star bene l’ospite a 360°”. In abbinamento i migliori vini dell’Emilia Romagna.

Due weekend, 17/18/19 e 24/25/26 ottobre, per scoprire la cucina di Yoji Tokuyoshi, per nove anni sous chef di Massimo Bottura all’Osteria Francescana di Modena e tra i fondatori del progetto Postrivoro.


Tra le mura della Rocca di Dozza in ottobre troverà spazio il primo temporary restaurant dell’Enoteca Regionale, un concept moderno ancora poco conosciuto in Italia, ma apprezzatissimo negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Solo 35 coperti a serata per scoprire l’arte di Yoji, che ha le sue radici nella cucina giapponese e si è sviluppata con i migliori profumi della tradizione culinaria italiana.
Una cucina di cuore e grande intensità, ma anche ironica e divertente, che vuole giocare con l'ospite e farlo stare bene a 360°.

 

Yoji Tokuyoshi nasce da una famiglia di farmacisti da 4 generazioni – nonni, genitori e fratelli sono tutti farmacisti – ma la sua passione per la cucina lo conduce altrove. “È stata mia nonna a trasmettermi questa passione quando ero bambino e l’aiutavo a preparare la cena. All’inizio volevo diventare anch’io un farmacista – racconta – ma un giorno ho litigato con mio padre e sono andato via da casa”. Prima la scuola alberghiera a Tokyo, poi un viaggio in Italia per scoprire la nostra cucina e l’incontro fortunato con Massimo Bottura, che affiancherà per nove anni fondendo le ricette della cucina giapponese e quelle italiane. Un incontro di sapori lontani e diversi, “una cucina contaminata con saggezza senza dimenticare da dove si viene e dove si è” – come dice Bottura. Nel 2015 aprirà il suo ristorante a Milano; Yoji è uno dei fondatori del progetto Postrivoro di cui è resident chef.

Il menu 
Gambero e gamberi
Zuppa di terra
Carpaccio dalle sabbie romagnole
Spaghetti di patate al tartufo bianco
Risi-non-Riso
Stagione Autunno-inverno
Monte Rosa

I vini in abbinamento
Cardinali: Metodo Classico Pas Dosè “Cardinali Brut Nature” vendemmia 2011 degorgiato nel 2014

Tenuta di Aljano: Colli di Scandiano e Canossa DOP Spergola “La Vigna Ritrovata” 2012

Il Pratello: Forlì IGT Sangiovese “Badia Raustignolo” 2007

Mossi : Vendemmia tardiva di Malvasia Rosa “Rosa di Vigna” 2010

 

 

Il menu degustazione costa 65 euro. In abbinamento una selezione dei migliori vini dell'Emilia Romagna a 15 euro. In alternativa è possibile scegliere una bottiglia da scaffale (il costo varia a seconda dell’etichetta).

Il temporary restaurant vi aspetta per cena venerdì e sabato e a pranzo la domenica!

 

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy