Homepage

Il Rosso Veronese di Zenato, il Sansonina Merlot!

Carla Prospero e Nadia Zenato dell’azienda Zenato in Valpolicella hanno creato il rosso veronese Sansonina Merlot.
Sansone era il giudice chiamato da Dio per sconfiggere i nemici di Israele, dotato di una forza sovrumana compì imprese incredibili. Era un eroe maschio e virile, che traeva la sua forza nei lunghi capelli, un attributo prettamente femminile. Da Sansone viene la Sansonina, nome con cui è conosciuta la grande cascina settecentesca in territorio di Sirmione (BS). La Sansonina si trova infatti nella zona di produzione del Lugana, uno dei vini bianchi più famosi del Lombardo Veneto. Ma caso unico per questo territorio, alla Sansonina esiste un vecchio vitigno di Merlot, vitigno rinomato perchè con esso si producono alcuni tra i rossi più importanti al mondo. A metà degli anni novanta Carla Prospero acquista la cascina Sansonina e i terreni  circostanti insieme alla figlia Nadia Zenato erede della storica azienda vinicola Zenato della Valpolicella, e le donne hanno un intento ben preciso: accettare una sfida e sfatare qualche pregiudizio. L’obiettivo era quello di produrre un grande vino rosso veronese in una zona tradizionalmente nota per i vini bianchi e dimostrare che produrre un vino rosso veronese strutturato non è solo un affare da uomini. I vini prodotti da questa “scommessa” (entrambi eccellenti) sono: Lugana Doc Santonina: da vitigno Trebbiano di Lugana, un vino minerale e complesso con una personalità molto distintiva. La netta riconducibilità al territorio d’origine si completa con l’inequivocabile sentore varietale e si traduce in una grande e armoniosa struttura finale in bocca. Il profumo è floreale con sensazioni di frutta esotica, ha una buona struttura e grande sapidità e mineralità. Ideale con antipasti, primi piatti, zuppe di legumi, carne bianca, oltre a pesce di mare e formaggi di media stagionatura. Merlot Sansonina Igt: di colore rosso rubino granato, fitto e intenso. Un profumo ricco e compatto, caldo e fruttato; si sentono note di frutta rossa matura, di confettura, di cacao tostato, con lievissima sfumatura balsamica e un tocco quasi impercettibile di erbaceo. Il sapore è pieno e caldo, corposo ma molto elegante, rotondo, morbido, carezzevole, di straordinaria persistenza aromatica. Ideale con arrosti, selvaggina e formaggi stagionati. Info: www.zenato.it Articolo di Alice Bresolin
© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy