Il gusto per la ricerca

È stato un grande successo quello di Venezia, tanti gli chef stellati presenti, raggiunta la somma di 62.000 euro per la ricerca scientifica.
Venezia, 25 ottobre 2017 – Si è tenuta oggi presso il T Fondaco dei Tedeschi la cerimonia di consegna degli assegni ai beneficiari della quattordicesima edizione de “Il Gusto per la Ricerca”, svoltosi lo scorso 24 settembre sulla terrazza del T Fondaco dei Tedeschi in collaborazione con DFS e con la partecipazione di tutti gli chef stellati di Venezia, quali:

- Federico Belluco (Dopolavoro Dining Room* dell’Hotel JW Marriot Venice Resort & Spa)
- Davide Bisetto (Ristorante Oro* del Belmond Hotel Cipriani)
- Gianni Bonaccorsi (Ristorante Il Ridotto*)
- Francesco Brutto (Ristorante Venissa*)
- Silvio Giavedoni (Ristorante Quadri*)
- Mara Martin (Osteria da Fiore*) 
- Luca Veritti (Ristorante Met* dell’Hotel Metropole)
- Massimiliano Alajmo (Ristorante Le Calandre***)

Grazie alla generosità delle persone che hanno partecipato, donando a volte anche più del costo suggerito del pranzo, è stata raggiunta la somma di 62.000 euro suddivisa equamente tra le quattro strutture:

15.500 a Fondazione Città della Speranza Onlus
15.500 a Cure Palliative e Terapia Antalgica Pediatrica / Hospice Pediatrico Azienda Ospedaliera Padova
15.500 a Neurologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera di Padova
15.500 a Casa Nazareth di Chirignago Venezia

Il successo dell’evento è stato reso possibile anche grazie a tutti gli sponsor (Valverde, Velier, Cecchi per citarne alcuni) che, a titolo gratuito, hanno donato i premi per la lotteria, fornito materiali e materie prime, contribuito all’organizzazione e alla logistica.

Il Gusto per la Ricerca nasce a Padova nel 2004 da un'idea di Massimiliano e Raffaele Alajmo, sviluppata insieme al dott. Stefano Bellon per promuovere l'impegno sociale e soddisfare la necessità di sostegno alla ricerca scientifica. Ogni anno, in sedi diverse in Italia, organizza un pranzo di beneficienza di altissimo profilo gastronomico con l'obiettivo di destinare il 100% del ricavato della giornata ad Enti che finanzino la ricerca scientifica nel campo delle malattie neoplastiche infantili, a strutture che ospitino bambini in condizione di forte disagio e a realtà locali di assistenza e sostegno che operino sul territorio. Tutti coloro che lavorano per Il Gusto per la Ricerca, a partire dagli organizzatori sino al personale e agli chef coinvolti, collaborano gratuitamente e con cuore.

Gallery

In questa notizia