Homepage

Il Brunello di Montalcino

Perla del nostro firmamento enologico, il Brunello ha esaltato il mondo con il suo sapore elegante e ruspante allo stesso tempo, caratteristiche proprie del vitigno Sangiovese Grosso
Che sia inverno, con neve a fiocchi e camino ardente che sprigiona calore, che sia estate, nelle fresche notti in collina, dove la natura avvolge con la sua leggera brezza gli animi accaldati del giorno, un buon bicchiere di Brunello di Montalcino Docg non si può negare a nessuno. Perla del nostro firmamento enologico, il Brunello ha esaltato il mondo con il suo sapore elegante e ruspante allo stesso tempo, caratteristiche proprie del vitigno Sangiovese Grosso. ItaliaSquisita vi racconta in poche parole il Brunello di Montalcino e vi consiglia le migliori bottiglie scelte dalle guide specializzate del Gambero Rosso, Vini Buoni d'Italia di Touring Editore e Slow Wine. Il Brunello di Montalcino è un vino rosso a Denominazione di Origine Controllata e Garantita (Docg) prodotto in Toscana, nel territorio del comune di Montalcino in provincia di Siena. Il Brunello di Montalcino può essere considerato, insieme al Barolo, il vino rosso italiano dotato di maggiore longevità. Il vino Brunello di Montalcino può essere ottenuto solo da uve coltivate nella zona di produzione prevista dal disciplinare, utilizzando esclusivamente il vitigno Sangiovese, localmente denominato "Brunello". È consentito l'uso di indicazioni toponomastiche aggiuntive che facciano riferimento alle vigne dalle quali provengono effettivamente le uve. Il Brunello di Montalcino deve essere sottoposto ad un periodo di affinamento di almeno due anni in contenitori di rovere di qualsiasi dimensione, e di almeno quattro mesi in bottiglia, e non può essere immesso al consumo prima del primo gennaio dell'anno successivo al termine di cinque anni calcolati considerando l'annata della vendemmia. Il Brunello di Montalcino può portare come qualificazione la dizione "Riserva" se immesso al consumo successivamente al primo gennaio dell'anno successivo al termine di sei anni, calcolati considerando l'annata della vendemmia, fermo restando il minimo di due anni di affinamento in contenitori di rovere, ma di almeno sei mesi in bottiglia. Il vino Brunello di Montalcino DOCG, all'atto dell'immissione al consumo, deve possedere le seguenti caratteristiche organolettiche: colore rosso rubino intenso tendente al granato; odore caratteristico ed intenso; sapore asciutto, caldo, un po' tannico, robusto, armonico, persistente. Di seguito una lista dei Brunello di Montalcino Docg premiati dalle guide: Gambero Rosso (quattro 3 bicchieri)
  • Casanova di Neri - Brunello di Montalcino Cerretalto 2004 (selezionato anche da Slow Wine)
  • Cerbaiona - Brunello di Montalcino 2004 (anche 4 stelle di Vini buoni d’Italia)
  • Poggio di sotto - Brunello di Montalcino 2004 (anche 4 stelle di Vini buoni d’Italia)
  • Talenti - Brunello di Montalcino 2004 (selezionato anche da Slow Wine)
Vini buoni d’Italia - Touring Editore (quattro 4 stelle)
  • Biondi Santi Tenuta il Greppo - Brunello di Montalcino 2004 (segnalato come un 3 bicchieri  da Gambero Rosso)
  • Capanna - Brunello di Montalcino 2004
  • Col d’Orcia - Brunello di Montalcino Riserva Poggio al Vento 2004
  • Fornacina - Brunello di Montalcino 2004
Slow Wine
  • Castello Banfi - Brunello di Montalcino Poggio alle Mura 2004
  • Coldisole - Brunello di Montalcino 2004
  • Pinino - Brunello di Montalcino Clan destino 2004
  • Tenute Silvio Nardi - Brunello di Montalcino Manachiara 2004

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy