Chef

Bottura presenta "Food for Soul"

Massimo Bottura è stato uno dei relatori dell’ultimo MAD Symposium, il congresso internazionale che lo scorso 3 Aprile ha valicato per la prima volta i confini danesi per prendere luogo al Sydney Opera House.
Lo chef italiano insieme a René Redzepi, Chido Govera, David Chang, Kylie Kwong e altri illustri pensatori della gastronomia contemporanea. “Cucinare è un appello ad agire”: Massimo Bottura ha parlato della responsabilità sociale degli chef e ha presentato Food for Soul, l’organizzazione non-profit da lui fondata per combattere lo spreco alimentare.

L’associazione Food for Soul è la risposta di Bottura ai tanti chef che hanno chiesto di aprire un refettorio nella propria città. L’organizzazione si occuperà principalmente di raccogliere fondi per ristrutturare spazi in disuso e trasformarli in refettori, e affiancherà mense per poveri già esistenti per potenziare il loro servizio.

Da Giugno, Food for Soul collaborerà con la mensa dell’Antoniano di Bologna con l’obiettivo di accogliere più ospiti, tra cui le famiglie di rifugiati della zona. Subito dopo, l’associazione punta a volare oltreoceano: la città di Rio de Janeiro ha infatti donato uno spazio per creare il Refettorio Rio. Se dovesse riuscire a raccogliere i fondi e i partner necessari, questo progetto Food for Soul aprirà in Agosto durante i prossimi Giochi Olimpici. Oltre a funzionare come mensa per poveri, la struttura accoglierà corsi tematici sullo spreco alimentare, lezioni di cucina e tirocini pratici rivolti ai giovani delle favelas, così da aiutarli nel sostentamento di intere famiglie locali.
Il recupero di cibo, spazi e comunità ha come obiettivo riportare la dignità degli esseri umani al centro dell’attenzione. Food for Soul vuole creare un ambiente che non sia dedicato solo al nutrimento del corpo, ma anche a quello dell’anima.

In questa notizia

© Copyright 2018. ItaliaSquisita.net - Privacy policy